Close
 
Prossime Aste
   
Aste Passate
   
Nel sito
Close

Online community

Contattaci via Skype
Associazioni

Storia

Share

La Cambi Casa d'aste nasce nel 1998 dopo una lunga attività nel campo dell'antiquariato e delle vendite all'asta imponendosi ben presto come una delle realtà emergenti a livello nazionale. Accanto alle tradizionali aste di antiquariato si distingue subito per aste specialistiche rivolte anche settori di nicchia come l'arte marinara, gli strumenti scientifici, le cornici antiche.

Affiancate alle tradizionali vendite di antiquariato iniziano dal 2000 le dispersioni fuori sede con la vendita degli arredi di Villa Toscanelli in provincia di Pisa alla quale faranno seguito, nel 2002, la vendita di Palazzo Tornielli di Cresvolant a Molare e quella di Villa De Nobili Fossati Raggio a Genova nel 2003. Sempre nel 2002 viene condotta una tra le operazioni monografiche più interessanti: la vendita della collezione di dipinti e oggetti del pittore Oscar Saccorotti provenienti dalla sua abitazione del Pettirosso, un'evento che scuote la città con interventi e dibattiti su giornali e media.

Nel 2004 viene effettuato lo spostamento nella prestigiosa sede del Castello Mackenzie di Genova, capolavoro dell'architetto fiorentino Gino Coppedè, che insieme agli altri spazi espositivi e di magazzino garantisce oltre 6000 mq di spazi operativi. 

Gli anni successivi sono segnati da un costante innalzamento del livello dell’offerta, come la dispersione dell’eredità del Marchese Spinola del Castello di Tassarolo (AL), e numerose importanti vendite come quella della coppia di dipinti di Giovanni Paolo Panini, venduta per 393.000 euro, record italiano di aggiudicazione per l’autore.

Dal 2006 vengono sistematicamente sviluppati i dipartimenti tematici, che coprono l’ampia gamma di opere presenti sul mercato dell’arte, attirando tra i compratori musei e collezionisti internazionali.

Continuano gli affidamenti di uniche proprietà con Villa Canessa Devoto a Rapallo (GE) nel 2008 e l’ultima effettuata nel 2011 presso villa la Femara a Oglianico (TO) con la dispersione dell’eredità delle famiglie Rey di Villarey e Cisa Asinari di Gresy, che risultano un eccezionale successo sia per partecipazione, sia per i risultati economici raggiunti.

Negli ultimi anni altre notevoli dispersioni sono state l’Atelier dei Pittori Svedomskij, che ha richiamato l’attenzione dei principali galleristi russi ed europei, la Collezione GM, che in due anni ha presentato al pubblico oltre 2000 tra rari oggetti d’arte, manufatti religiosi, e objet de vertu difficilmente reperibili sul mercato, e ancora un intrigante casino di caccia del Lazio o l’asta di imbarcazioni e arte marinara tenutasi a Imperia nel 2010, con la vendita di un motoscafo Riva Aquarama del 1965 per 150.000 euro.

Il processo di internazionalizzazione della Casa d'Aste Cambi fa sì che venga aperta una nuova sede a Milano, nella quale, oltre a un ufficio regolarmente aperto al pubblico, sono proposte mostre temporanee e vengono allestite preview in occasione delle aste; la casa d’aste è ormai presente in numerose città attraverso i suoi referenti, per essere sempre più punto di riferimento per il mercato italiano e internazionale.

Per seguire le tendenze del mercato vengono sviluppati sempre maggiormente i dipartimenti, in primis di Arte Orientale, che risulta settore strategico come confermano le aggiudicazioni record registrate nel 2012: un Begtse in bronzo dorato venduto per 590.000 euro e una campanella in giada di epoca Qianlong venduta per 690.000 euro. Il 2015 il dipartimeno di Arte Orientale registra un nuovo record con la vendita a maggio della straordinaria Fiasca della Luna, una produzione rarissima della Dinastia Qing in porcellana bianca e blu, venduta per oltre 2 milioni di euro. Di fianco a quelli già presenti come Gioielli, Design e Novecento, nuovi esperti cureranno i dipartimenti di Pittura Antica e di Dipinti del XIX e XX secolo, che proporranno loro vendite dedicate, e la scrupolosa attenzione della Casa d'Aste nel garantire una proposta di qualità rimarrà prioritaria come nostra abitudine.

Lo sviluppo e l’attenzione alle nuove tecnologie rimangono punto di forza della Casa d’Aste Cambi che, oltre a presentarsi al pubblico con un portale web che garantisca un pratico accesso alle vendite, propone la partecipazione alle aste in tempo reale con Cambi Live, fruibile tramite internet e dispositivi mobili, grazie ai quali è possibile collegarsi con la sala di battuta. Dal 2012 vengono inoltre proposte le Aste OnLine, presentate e partecipate via web, che riscuotono sempre maggiore successo tra gli utenti della rete.