Close
 
Prossime Aste
   
Aste Passate
   
Nel sito
Close

Online community

Contattaci via Skype
Associazioni

Settembre 2011 - n. 02

Share
Nei giorni in cui si appresa a uscire questo secondo numero di Cambi Auction Magazine, due sono gli appuntamenti per noi importanti.
Si apre infatti la stagione autunnale con la tradizionale asta di Antiquariato e Dipinti antichi, che presenta alcuni pezzi di grande interesse provenienti soprattutto da collezioni genovesi, venete e piemontesi. Una parte del catalogo è dedicata anche a una interessante sezione di argenti antichi tra i quali spicca una bella collezione di argenti toscani, alla quale è stato dedicato un saggio specifico. Il 20 settembre poi, alla vigilia dell’esposizione, vorremmo festeggiare con tutti voi in vico Falamonica durante la serata inaugurale del nuovo Cambicafé che, aperto in sordina quest’estate, ha già riscosso i favori del pubblico genovese e della critica straniera. In contemporanea verrà riaperta la storica confetteria Vedova Romanengo ubicata al piano sottostante il locale, una casa fondata a Genova nel lontano 1805 e che è stata per generazioni punto di riferimento di intere famiglie genovesi. Settembre è anche il mese durante il quale Genova ospita il XIV Congresso della Federazione Mondiale degli Amici dei Musei e a questo evento abbiamo dedicato un articolo di Andrea Buffa e Giovanna Rotondi Terminiello, già sovrintendente ai Beni artistici a Genova e oggi coordinatore del comitato scientifico del Congresso. Novembre sarà invece il mese delle aste specialistiche con cataloghi dedicati ai Gioielli e orologi da polso, Tappeti, Arte orientale, Pittura del XIX e XX secolo (con un piccolo catalogo monografico dedicato a Carlo Quaglia), Orologi d’arredo (con un’asta tematica di assoluto livello che non ha precedenti in Italia) e la dispersione di una collezione di Libri antichi con la quale la nostra casa d’aste continua una tradizione di vendite che ormai da più di dieci anni ci vede protagonisti sul mercato italiano. Di grande interesse sarà poi la vendita di arte moderna e contemporanea con opere che spaziano dal Novecento storico ai giorni nostri. Vogliamo puntare i riflettori anche su Genova con i suoi innumerevoli tesori da scoprire e i suoi musei: in particolare in questo numero sulla Wolfsoniana, in omaggio a Micky Wolfson Jr. che, cedendoci nel 2002 Castello Mackenzie, ha permesso gli attuali sviluppi della nostra casa d’aste. Marco Franzone ci illustrerà due inediti di Badaracco, mentre Matteo Fochessati farà il punto sulla produzione ceramica di Gio Ponti. Raffaella Navone è invece l’autrice di un interessante contributo scientifico sulla giada, pietra preziosa dalle mille virtù. E ancora Venezia nel colore di Guardi, il mare di Berto Ferrari e le piccole o grandi sculture di Pomodoro, la mostra di Basilea, e una figura emergente nel mercato dell’arte, quella dell’Art Advisor. Nella rubrica dedicata al savoir vivre proponiamo ancora una volta un’eccellenza, questa volta nel campo della ristorazione, all’interno di un luogo straordinario quale il palazzo dell’Arengario di Milano. E poi il mercato, con una breve analisi della difficile situazione del primo semestre del 2011 che ha provocato grandi stravolgimenti nel panorama nazionale delle vendite all’asta, ma che ci ha comunque permesso di avere ottimi risultati in molti settori delle nostre aste primaverili. Infine il lavoro della nostra casa d’aste, serio e discreto, svolto con una competenza e una professionalità sempre maggiori, con la cura delle nostre esposizioni e dei nostri cataloghi ma anche il costante sviluppo della tecnologia che permette oggi sempre maggiori possibilità di comunicazione. E così dopo il rinnovamento del nostro sito internet, cambiato nella grafica ma soprattutto nei contenuti, dalle prossime aste sarà attivo in maniera definitiva il sistema Cambi Live che permetterà ai clienti registrati di seguire in diretta tutte le nostre vendite e poter effettuare rilanci con la semplicità di un click!
Misurare il tempo
Sin dal XVI secolo si hanno le prime produzioni di strumenti per la misurazione del tempo, una volta effettuata solamente tramite l'osservazione dei movimenti solari con rudimentali e sempre più precise meridiane. Ma è soprattutto nel XVIII e XIX secolo che si può apprezzare la vera diffusione dell'arte ...
Una nuova identità per il pittore genovese Gio Raffaele Badaracco (1645-1717)
Due quadri genovesi di figura, a grandezza naturale, en pendant , sono stati ritrovati in eccellente stato di conservazione in una collezione aristocratica del Ponente ligure.Databili alla metà del nono decennio del Seicento (1685 circa), di altissima qualità, rappresentano gli episodi veterotestamentari ...
Giada, pietra dal fascino antico
Giada è una parola di lunga tradizione, con la quale tutt’oggi nel commercio molti, sbagliando, denominano genericamente diversi minerali massivi e traslucidi, adatti all’intaglio. La gemmologia invece differenzia tra giada giadeite e giada nefrite, due tipi di gemme che mineralogicamente presentano ...
La clemenza di Scipione
Il dipinto, proveniente da una collezione privata inglese, viene acquistato negli anni cinquanta dal celebre marchand-amateur Francesco Pospisil, che dal 1936 si era trasferito nel magnifico palazzo Sagredo sul Canal Grande a Venezia e aveva lì la sua collezione. Il dipinto che qui presentiamo in origine poteva ...
Le ceramiche di Gio Ponti per la Richard Ginori
Recentemente presa in esame dalla mostra “Gio Ponti. Il fascino della ceramica”, allestita al grattacielo Pirelli di Milano, e sempre in primo piano sul mercato e nelle principali aste italiane e internazionali, la produzione di Gio Ponti nel campo della ceramica ha rappresentato un momento fondamentale della ...