Close
 
Questa asta (500)
   
Prossime Aste
   
Aste Passate
   
Nel sito

La Superba, omaggio a Genova e alle Sue Arti

64

Comò a due cassetti lastronato in violetto con filettature in bois de rose e intarsi in legni vari, ...

Stima: EUR 17.000,00 - 20.000,00

Conversione Valute
Conversione Valute
USD 20.232,00 - 23.802,00
GBP 15.111,00 - 17.778,00
Lotto No.
Comò a due cassetti lastronato in violetto con filettature in bois de rose e intarsi in legni vari,  ...
Comò a due cassetti lastronato in violetto con filettature in bois de rose e intarsi in legni vari,  ...
Comò a due cassetti lastronato in violetto con filettature in bois de rose e intarsi in legni vari,  ...
Comò a due cassetti lastronato in violetto con filettature in bois de rose e intarsi in legni vari,  ...
Comò a due cassetti lastronato in violetto con filettature in bois de rose e intarsi in legni vari,  ...
Comò a due cassetti lastronato in violetto con filettature in bois de rose e intarsi in legni vari,  ...
Comò a due cassetti lastronato in violetto con filettature in bois de rose e intarsi in legni vari,  ...
Comò a due cassetti lastronato in violetto con filettature in bois de rose e intarsi in legni vari,  ...

Comò a due cassetti lastronato in violetto con filettature in bois de rose e intarsi in legni vari, Genova, 1770 circa
motivi di ramages vegetali in noce e bosso ritoccato a penna, medaglioni circolari e ghirlande. Maniglie, bocchette e scarpette in bronzo cesellato e dorato, piano in broccatello di Spagna, cm 94x51x90
Pubblicazioni: L. Canonero, Barocchetto Genovese, Aldo Martello Editore, 1962, tav. LVI Interessante esempio di un momento di transizione dell’ebanisteria genovese in cui il gusto barocchetto incomincia risentire delle prime influenze neoclassiche. E’ facilmente comprensibile come dovette essere difficile per i bancalari adeguarsi ai dettami della nuova moda che improvvisamente richiedeva agli ebanisti di cambiare radicalmente le forme e le tecniche di costruzione. Il comò può essere inserito in un piccolo gruppo di mobili databili a cavallo tra il settimo e l’ottavo decennio del settecento, con scafi ancora di modello tradizionale ma con decori a intarsio più “moderni”, in linea con l’evoluzione del gusto. In questo caso l’interessante rosone frontale con i festoni vegetali e il fiocco sembra risentire dei lavori di Ennemond Alexandre Petitot (1727-1801), mentre il teschio d’ariete intarsiato sui fianchi, di derivazione classica, è probabilmente l’unico documentato nell’ebanisteria genovese. Questo esigenza di rinnovamento è testimoniata anche dalle belle e rare montature in bronzo dorato di modello francese già decisamente Luigi XVI. Lodovico Caumont Caimi
Dipartimenti
Mobili ed Arredi
Stima

EUR 17.000,00 - 20.000,00

 
Conversione Valute
USD 20.232,00 - 23.802,00
GBP 15.111,00 - 17.778,00

Online community

Contattaci via Skype