Close
 
 (458)
   
近期拍卖
   
已过去的拍卖会
   
网站上
170

Simone Cantarini (Pesaro 1612 - Verona 1648)

San Sebastiano e un angelo

估价: EUR 50.000,00 - 60.000,00

货币转换
货币转换
USD 59.095,00 - 70.914,00
GBP 45.378,00 - 54.453,00
拍卖品 No.
Simone Cantarini (Pesaro 1612 - Verona 1648)
Simone Cantarini (Pesaro 1612 - Verona 1648)
Simone Cantarini (Pesaro 1612 - Verona 1648)
Simone Cantarini (Pesaro 1612 - Verona 1648)
Simone Cantarini (Pesaro 1612 - Verona 1648)
Simone Cantarini (Pesaro 1612 - Verona 1648)
Simone Cantarini (Pesaro 1612 - Verona 1648)
Simone Cantarini (Pesaro 1612 - Verona 1648)

Simone Cantarini (Pesaro 1612 - Verona 1648)
olio su tela, cm 216x149 entro cornice intagliata e dorata
Il dipinto rappresenta, a figura intera, San Sebastiano, ufficiale della guardia pretoria di Diocleziano, condannato alla pena capitale per la sua fede cristiana; creduto morto dai suoi aguzzini (sar poi curato da Irene), lasciato legato all抋lbero trafitto dalle frecce; un angioletto, in alto sulla sinistra, gli reca la palma del martirio; in basso il manto rosso e la lancia, insegne del suo status militare. Senz抋ltro confermabile l抋ttribuzione di questa prestigiosa tela a Simone Cantarini, gi avanzata, correttamente, anni or sono (1996), da Nicosetta Roio trattando un gruppo di dipinti inediti di diversi artisti nella monografia su Giacomo Cavedoni (cfr. Bibliografia). Simone Cantarini, detto anche, dal suo luogo natale, Simone da Pesaro, fu uno dei principali protagonisti della grande scuola emiliana del XVII secolo. Formatosi nel vivace ambiente marchigiano, ove le eredit di Barocci e Ridolfi erano ormai fortemente insidiate da episodi caravaggeschi d抜mportazione romana nonch dalle ineludibili novit che venivano da Bologna, il giovane Cantarini si trasfer ben presto in questa citt, entrando, intorno al 1634, nella bottega del genius loci del momento, il famoso Guido Reni. Qui Simone giunse sui 22 anni, probabilmente gi con una sua formazione alle spalle, tanto da far dire allo stesso caposcuola 揺sser costui maestro prima di entrare nella scuola (Malvasia, Felsina Pittrice, 1678, ed. 1841, II, p. 375). Sono questi gli anni, per Cantarini, di maggiore adeguamento allo stile di Guido, continuato anche dopo la rottura con il maestro, che avvenne nel 1637, per le critiche di Reni sulla Trasfigurazione di Simone destinata alla chiesa di S. Urbano a Castelfranco Emilia (oggi a Roma, Pinacoteca Vaticana). Il periodo successivo vedr il rimpatrio a Pesaro dell抋rtista, il suo soggiorno romano ed il ritorno a Bologna dopo la morte di Reni, avvenuta nel 1642; qui egli apr bottega in Palazzo Zambeccari ed oper intensamente, godendo anche del favore di una ristretta cerchia di colti collezionisti, fra cui i Locatelli ed il medico Orazio Zamboni. Trasferitosi, infine, a Verona, vi mor nel 1648, all抏t di 36 anni. Il San Sebastiano qui considerato da ritenersi una importante acquisizione al catalogo del Pesarese e da collocarsi cronologicamente nel periodo tardo della sua attivit, negli anni Quaranta del XVII secolo, dopo il ritorno a Bologna. Ne fa fede il confronto con altre sue opere di questo momento, prima fra tutte lo straordinario Cristo risorto della collezione Elmar Seibel di Boston, per il singolare risalto plastico del protagonista, la poderosa mimica muscolare, la lucida strizzatura dei panneggi, l抜rruente retorica del gesto. La dolente e virtuosistica rappresentazione del nudo maschile del santo martire inginocchiato nel corrusco paesaggio pare quasi una esemplare sintesi di esperienze ed incontri occorsi all抋rtista nelle sue peregrinazioni fra Pesaro, Bologna e Roma: da Giovanni Francesco Guerrieri a Giuseppe Puglia, ad Alessandro Turchi detto l扥rbetto; oltre a Reni, naturalmente. E con Reni, infatti, che la 搒uperbia (termine di Malvasia) di Cantarini ebbe a confrontarsi: con il suo nobilissimo classicismo, con il castigato pudore della sua tavolozza, a cui il nostro risponde caricando di materia cromatica forte ed incontenibile il temperamento pi naturalistico della sua indole. Tanto che l 揳 solo cromatico di quel rosso acceso del vessillo abbandonato sulla lancia del santo pretoriano, in basso a sinistra, potrebbe quasi valere come la firma di Simone, artista ormai in qualche modo affine (si veda lo scorcio paesistico dello sfondo) al gusto di un Guercino o di un Cagnacci. Del Giordani la notizia che un dipinto di Cantarini con 揝. Sebastiano e un angelo, verosimilmente il nostro, si conservava, nel XVII secolo, nella raccolta del nobile Rinaldo Bovi di Bologna (G. Giordani, Note autografe su una biografia completa su Simone Cantarini indirizzate al sig. Giuliano Vanzolini il 18-3-1866, ms, XIX sec., Pesaro, Biblioteca Oliveriana, Ms. 1549). Un probabile abbozzo di idea grafica preparatoria per quest抩pera si conserva nel Cabinet des dessins del Louvre (inv. 9659). Bibliografia: N. Roio, Le scuole dei Carracci e di Guido Reni: nuovi disegni e dipinti bolognesi dell抏poca di Cavedoni, in E. Negro N. Roio, Giacomo Cavedone, Modena, 1996, p. 51, tav. 76 p. 53. Scheda a cura del Prof. Massimo Pirondini. Si ringrazia lo studioso per aver confermato l'attribuzione all'artista.
估价

EUR 50.000,00 - 60.000,00

 
货币转换
USD 59.095,00 - 70.914,00
GBP 45.378,00 - 54.453,00
已售出
EUR 46.000,00

在线社群

用Skype联系我们