Clicky

Ancora una volta l’Italian Design di Cambi stupisce per la rarità [..]

L'asta di FINE DESIGN del 22 novembre presenterà una ricercata selezione di arredi storici, simbolo del design italiano dagli anni ‘30 agli anni ‘60.
Troveranno così posto l'uno affianco all'altro Franco Albini, Lucio Fontana, Ettore Sottsass, Carlo Mollino, Gio Ponti, Tomaso Buzzi, Gino Sarfatti e altri interpreti del genio italiano.
Saranno proposte in asta rare opere di Lucio Fontana legate alla collaborazione con l'Arredamenti Borsani: il piano di un tavolo basso della serie Concetto Spaziale e i quattro pannelli di un armadio, in vetro dipinto a tecnica mista, saranno l'ossatura di una proposta di eccezionali rarità. I lotti provenienti da Villa Neuffer costituiranno il capitolo iniziale dell'asta, con una selezione di arredi progettati o selezionati da Franco Albini in occasione della ristrutturazione della villa negli anni ‘40. 
Una rara libreria di Ettore Sottsass, prodotta da Meccani negli anni ‘90, affiancherà pregevoli lavori in ceramica della serie Yantra e una Ceramica di Fumo creata negli anni ‘60 per Il Sestante. L'illuminazione della Fontana Arte e della Arteluce rappresenteranno un importante capitolo dell'asta, a cui seguiranno le opere di Carlo Mollino, fra cui una rara sedia in legno con rivestimenti in tessuto.  

Piermaria Scagliola, direttore del dipartimento di Design di Cambi, presenta così l’asta che si terrà a Palazzo Serbelloni il 22 novembre: "Siamo orgogliosi del lavoro fatto e delle opere che possiamo presentare al pubblico internazionale che segue le nostre aste. La selezione del Fine Design, che precede l'asta di Design vera e propria di dicembre, è vissuta sempre dai nostri clienti come un appuntamento con proposte eccezionali e, come tali, imprevedibili. Siamo felici di poter presentare anche quest'anno uno spaccato del design italiano d'eccellenza, a partire dai mobili di Borsani e Fontana, al genio di Mollino e a tante altre proposte che, sono sicuro, colpiranno l'attenzione di estimatori e collezionisti in tutto il mondo".